8 requisiti fondamentali che il miglior carrello per cani dovrebbe avere

Cane disabile con carrello
Quando la mia Magò è rimasta paralizzata a causa di una grave ernia si è presentata la necessità di procurarle un carrellino che le permettesse di muoversi con una certa autonomia. Per capire come gestire la situazione mi sono affidata ad una clinica di riabilitazione motoria per cani dove mi hanno saputo dare ottimi consigli e indicazioni per un acquisto consapevole.

Prima di lanciarsi nella ricerca bisogna innanzitutto valutare alcuni aspetti:

  • Il problema fisico è temporaneo o permanente? Il cane dovrà utilizzare il carrello solo per un certo periodo o lo accompagnerà per tutta la vita?
  • Età del cane e prospettiva di vita. Per quanto tempo lo utilizzerà?
  • Frequenza e luogo di utilizzo. Un carrello utilizzato prevalentemente su strada avrà caratteristiche diverse da quello per camminare nei campi, boschi o strade dissestate.
  • Taglia del cane e peso da sostenere.
  • Disponibilità economica. Quanto posso spendere per l'acquisto del carrellino?
  • Costruire il il carrello in autonomia. Il mio consiglio è di affidarti al fai da te solo se hai le competenze adeguate. È vero che risparmieresti dal lato economico ma se non lo realizzi nella maniera corretta il tuo cane potrebbe sviluppare problemi collaterali dovuti alla postura sbagliata.   

Grazie a queste valutazioni puoi ottenere un prima selezione di modelli fra cui scegliere ma voglio indicarti alcune caratteristiche che secondo me sono essenziali sia dal punto di vista della praticità sia per la sicurezza del tuo cane a 2 ruote. 

8 caratteristiche che il miglior carrello per cani dovrebbe avere:

  1. Essere regolabile per adattarsi alla misura del cane sia in altezza che in lunghezza. I modelli migliori sono quelli realizzati su misura perché ogni elemento è calibrato perfettamente sulla taglia del cane.
  2. Studiato in modo che il cane possa avere una postura corretta per limitare ulteriori possibili traumi alla colonna e alle articolazioni.
  3. Essere compatto, leggero e manovrabile per permettere una camminata il più fluida possibile.
  4. Essere pratico da mettere e togliere.
  5. Realizzato con materiali di qualità, resistenti, leggeri, inossidabili e di facile manutenzione. Deve poter essere lavato e asciugato velocemente.
  6. Le cinghie e l'imbracatura devono essere regolabili. Si potrebbe aver bisogno di regolarle sia perché con il movimento del cane tendono ad allentarsi, sia perchè Fido potrebbe aumentare o diminuire di peso. Anche l'indossare un cappottino nei mesi freddi potrebbe richiedere modifiche alla misura.
  7. Essere sicuro ed antiribaltamento. Il cane non si rende conto che con il carrellino certe cose non le può fare e le probabilità di ritrovasi ruote all'aria sono molte. Meglio scegliere un modello con le ruote leggermente inclinate e con barre protettive (laterali e posteriore) per limitare sbandamenti e capovolgimenti.
  8. Possibilità di reperire ricambi per la sostituzione di pezzi 

Lascia un commento

Si prega di notare che i commenti devono essere approvati prima della pubblicazione